STORIE DI DONNE

STORIE DI DONNE è un progetto itinerante ideato dall’Associazione Culturale Bacco & Demetra aps e che si sviluppa attraverso una serie di incontri in cui vengono affrontate tematiche relative al mondo professionale, sociale e personale della vita delle donne mettendo a confronto le generazioni, gli usi, i costumi e le tematiche del mondo femminile.
Gli incontri STORIE DI DONNE che si rivolgono ad un pubblico eterogeneo ma attento, interessato, sensibile e curioso di conoscere le tematiche femminili, si sviluppano attraverso interviste, tavole rotonde, presentazione di progetti specifici, presentazione di eccellenze del territorio mettendo in risalto figure femminili dei vari territori con lo scopo di sensibilizzare la comunità e di far conoscere progetti specifici di importanza socio culturale.

Appuntamenti con donne determinate e coraggiose che ci raccontano le loro storie accomunate dalla passione per le rispettive professioni, l’impegno per la famiglia, l’attenzione per gli amici, in quell’inevitabile intreccio “sostenibile” tra lavoro, affetti e impegno sociale.
Vuole essere un modo per portare a conoscenza la possibilità per le donne supportate e affiancate da compagni, padri, fratelli, figli, mariti di operare in un mondo dove la “collaborazione di genere” sfocia nella “parità di genere” permettendo all’intera società di progredire.

L’obiettivo nr. 5 dell’ agenda ONU 2030 si propone di “Raggiungere l’uguaglianza di genere ed emancipare tutte le donne e le ragazze.”
“Mentre il mondo ha fatto progressi nella parità di genere e nell’emancipazione delle donne attraverso gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (tra cui la parità di accesso all’istruzione primaria per ragazzi e ragazze), donne e ragazze continuano a subire discriminazioni e violenze in ogni parte del mondo.
La parità di genere non è solo un diritto umano fondamentale, ma la condizione necessaria per un mondo prospero, sostenibile e in pace.
Garantire alle donne e alle ragazze parità di accesso all’istruzione, alle cure mediche, a un lavoro dignitoso, così come la rappresentanza nei processi decisionali, politici ed economici, promuoverà economie sostenibili, di cui potranno beneficiare le società e l’umanità intera.
Fatti e cifre
• Circa i due terzi dei Paesi in regioni in via di sviluppo hanno raggiunto la parità di genere nell’istruzione primaria
• Nel 1990, in Asia meridionale, solo 74 bambine erano iscritte alla scuola primaria per 100 bambini. Nel 2012, i tassi d’iscrizione erano gli stessi per le ragazze e per i ragazzi
• Nell’Africa subsahariana, in Oceania e in Asia occidentale, le ragazze ancora incontrano ostacoli nell’accesso alla scuola primaria e secondaria
• In Nordafrica, le donne detengono meno di un quinto dei posti di lavoro retribuiti in settori non agricoli. La proporzione di donne che occupano posti di lavoro retribuiti al di fuori del settore primario è aumentato dal 35 % del 1990 al 41% del 2015
• In 46 paesi, le donne detengono oltre il 30% di seggi nei parlamenti nazionali in almeno una Camera.
Traguardi
5.1 Porre fine, ovunque, a ogni forma di discriminazione nei confronti di donne e ragazze
5.2 Eliminare ogni forma di violenza nei confronti di donne e bambine, sia nella sfera privata che in quella pubblica, compreso il traffico di donne e lo sfruttamento sessuale e di ogni altro tipo
5.3 Eliminare ogni pratica abusiva come il matrimonio combinato, il fenomeno delle spose bambine e le mutilazioni genitali femminili
5.4 Riconoscere e valorizzare la cura e il lavoro domestico non retribuito, fornendo un servizio pubblico, infrastrutture e politiche di protezione sociale e la promozione di responsabilità condivise all’interno delle famiglie, conformemente agli standard nazionali
5.5 Garantire piena ed effettiva partecipazione femminile e pari opportunità di leadership ad ogni livello decisionale in ambito politico, economico e della vita pubblica
5.6 Garantire accesso universale alla salute sessuale e riproduttiva e ai diritti in ambito riproduttivo, come concordato nel Programma d’Azione della Conferenza internazionale su popolazione e sviluppo e dalla Piattaforma d’Azione di Pechino e dai documenti prodotti nelle successive conferenze
5.a Avviare riforme per dare alle donne uguali diritti di accesso alle risorse economiche così come alla titolarità e al controllo della terra e altre forme di proprietà, ai servizi finanziari, eredità e risorse naturali, in conformità con le leggi nazionali
5.b Rafforzare l’utilizzo di tecnologie abilitanti, in particolare le tecnologie dell’informazione e della comunicazione, per promuovere l’emancipazione della donna
5.c Adottare e intensificare una politica sana ed una legislazione applicabile per la promozione della parità di genere e l’emancipazione di tutte le donne e bambine, a tutti i livelli

Vorresti organizzare un incontro di STORIE DI DONNE?
Scrivi a info@baccoedemetra.it  valuteremo insieme la fattibilità dell’evento.

CHI E BACCO E DEMETRA?
È un’associazione culturale, nata dall’idea e dalla condivisione di passione ed esperienze nel settore enogastronomico dei sette soci fondatori.
L’associazione che si pone l’obiettivo di divulgare la conoscenza dell’enogastronomia, arte, tradizioni e cultura del nostro Bel Paese è stata presentata alla stampa e ai vari enti e associazioni del territorio, venerdì 23 febbraio 2024 alla presenza di una madrina d’onore d’eccezione: Giannola Nonino, grande donna e grande imprenditrice che ha rivoluzionato il mondo della grappa e che insieme al marito Benito e in seguito insieme alle figlie e alle nipoti ha fatto conoscere il Friuli e l’Italia nel mondo.

I molteplici eventi e iniziative della nuova associazione, dedicate agli associati
si possono seguire sui canali social:
https://www.facebook.com/BaccoDemetra
https://www.instagram.com/baccoedemetraaps/

CHI DESIDERA ASSOCIARSI A BACCO E DEMETRA può richiedere il modulo di adesione a: info@baccoedemetra.it
La quota associativa per l’anno in corso (valida fino al 31/12/2024) è di € 15,00.