CHE COSA SI INTENDE PER SPUMANTE “MILLESIMATO”

Quante volte vi è successo di imbattervi nel termine “millesimato” e sentirne in proposito le più disparate versioni? Cerchiamo di fare un po’ di chiarezza.

Tecnicamente il termine “millesimato” indica per i vini spumanti, un prodotto ottenuto a partire dalle uve di una unica annata, più precisamente quando il vino è prodotto con almeno l’85% di uve vendemmiate nello stesso anno.
Tant’è che la dicitura “millesimato” indicata in etichetta deve obbligatoriamente seguire anche l’indicazione di un anno (quello della vendemmia per l’appunto).
Il millesimo è dunque l’annata della vendemmia (dal francese millésime = annata).

→  MINI CORSO : L’ ESAME ORGANOLETTICO DEL VINO ←

Quando in etichetta non è indicata tale dicitura significa che lo spumante è frutto di una cuvèe cioè di un assemblaggio di vini ottenuti con uve vendemmiate in annate diverse.
Generalmente le aziende decidono di produrre uno Spumante Millesimato esclusivamente in annate particolarmente favorevoli dal punto di vista della qualità delle uve.
Negli altri casi di spumanti sia metodo classico sia metodo charmat, avremo gli spumanti “sans annèe” che sono il frutto dell’assemblaggio di più partite di vino, spesso ottenuti anche con vitigni diversi e in etichetta non riportano l’annata.

Ma allora perche per il Prosecco che viene quasi sempre prodotto (oserei dire sempre) con uve di una singola annata si utilizza il termine Millesimato?

Semplicemente perché il termine “Millesimato” nella zona del Prosecco oggi ha assunto una valenza diversa dal significato originario.
A volte viene utilizzato per indicare un prodotto le cui uve provengono da zone maggiormente vocate, a volte per le uve o per i vigneti che rappresentano il meglio qualitativo dell’azienda, a volte per quei vini che hanno riposato sui lieviti per un periodo più lungo e così via.

Insomma oggi il termine millesimato legato al Prosecco vorrebbe indicare un prodotto di maggiore qualità con tante (troppe) sfumature caratteriali che rischia di disorientare il consumatore.

Maria Teresa Gasparet 31 Maggio 2020